martedì 14 marzo 2017

Recensione: "Il rifugio dei cuori solitari" di Lucy Dillon

Ciao lettori e buon Mercoledì! Come proseguono le vostre letture? La lettura che mi ha accompagnato in questi giorni è.."Il rifugio dei cuori solitari''.
Bando alle ciance ed..ecco la recensione!



Seduta di fronte all'antica scrivania di rovere, Rachel ascolta a malapena il borbottio dell'anziano notaio che sta sbrigando le ultime formalità testamentarie.
Il suo sguardo è fisso sulla sua eredità: un muso piegato di lato e pieno di comprensione, due enormi occhi color ghiaccio, un orecchio nero floscio e l'altro bianco e dritto.
Gem non è un cane come tutti gli altri, è il border collie dell'eccentrica zia Dot che, morendo, ha deciso di lasciare alla nipote una grande tenuta in campagna, un rifugio per cani abbandonati e soprattutto Gem, l'amico prediletto.
Rachel non è certo un tipo da cani e la sua sofisticata e mondana vita a Londra non l'ha preparata al faticoso lavoro in campagna.
a tutta la sua vecchia esistenza è appena andata a rotoli, perché la sua relazione con Oliver, che era anche il suo capo, è appena finita e Rachel è rimasta senza lavoro, senza soldi e senza amore.
Non tutto però è perduto e Rachel scopre, proprio grazie a Gem, di avere un sesto senso nel trovare i padroni più adatti a prendersi cura dei trovatelli del rifugio.
Natalie e Johnny sono una coppia senza figli e solo le corte zampette di Bertie, un tenero basset hound, possono far tornare il sorriso sulle loro labbra.
Zoe crede che la piccola labrador Toffee sia uno scomodo regalo dell'ex marito ai suoi figli, ma presto deve riconoscere che il vero regalo l'ha ricevuto lei. E Bill, un incallito cuore solitario, non sa resistere ai dolci occhi neri della barboncina Lulu, che lo guardano adoranti da sotto i ciuffi di pelo.
A tutti loro Rachel dona una nuova opportunità per una vita migliore, ma dovrà essere forte abbastanza da dare una seconda occasione anche al suo cuore spezzato…

Recensione

Saprete che amo gli animali, e questo libro è stata la conferma della bravura della Dillon. I suoi romanzi sono incentrati quasi sempre sugli  animali, quindi capirete che il mio parere è più che positivo. Dell'autrice avevo sentito molto parlare, l'ultimo libro risale a poco tempo fa, quindi ho deciso di cominciare da uno dei primi. ''Il rifugio dei cuori solitari'' è stato, infatti, pubblicato per la prima volta nel 2011, ma le ristampe sono molto frequenti.

 A Rachel viene affidato il rifugio per cani abbandonati alla disperata ricerca di un padrone. All'inizio la donna è titubante, ma appena i suoi occhi incrociano quelli dei cani capisce che è suo compito trovargli una famiglia.

I cani ospiti del rifugio sono dei cuori in cerca di un padrone. Delle vite in cerca di altre vite cui intrecciarsi.
Perché ogni cane è destinato al suo umano speciale.
Quello che traspare è indubbiamente l'amore per i cani, raccontato perfettamente.
E poi Rachel, che grazie al potere magico dei cani cambia radicalmente, scoprendo alcuni suoi lati nascosti.
Il libro parla di nuovi inizi, di scoperte, di imparare a vedere il mondo da vari punti di vista. Di come un cane possa cambiarci la vita. Degli umani troppo perfetti, e della scoperta della semplicità.
Lucy Dillon ci parla di tante storie, ognuna speciale, ognuna di queste ci insegna qualcosa.
Nel romanzo abbiamo infatti tante storie, come quella di Zoe e Toffee, Bill e Lulu, Natalie e Bertie. Rachel scopre di avere proprio una dote speciale nel trovare i giusti padroni ai cani del rifugio. E viceversa. Lo scopre grazie a Gem, il suo cuore solitario, ricevuto in eredità dalla zia Dot.
Un romanzo bello, bellissimo. Un romanzo che scalda l'anima e insegna la bellezza del trovare la propria anima. Una scrittura lineare, carica di sentimenti, emozioni.
Ho amato questo romanzo,  mi ha trasmesso tante belle cose. E mi sento di consigliarlo a tutti voi, perché in quasi 500 pagine troverete un bellissimo mondo!


                                Lettori, come potete vedere ho amato alla follia questo libro!
                                                        Cosa ne pensate? L'avete già letto?
                                                             Fatemi sapere nei commenti!

Nessun commento:

Posta un commento